MISE. ZFU Sisma Centro Italia. Agevolazioni fiscali e contributive per le imprese ed i lavoratori autonomi localizzati nei Comuni colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti dal 24 agosto 2016

MISE. ZFU Sisma Centro Italia. Agevolazioni fiscali e contributive per le imprese ed i lavoratori autonomi localizzati nei Comuni colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti dal 24 agosto 2016

11 giugno 2019

La legge di bilancio 2019 ha confermato le agevolazioni per la Zona Franca Urbana nei Comuni del Lazio, dell’Umbria, delle Marche e dell’Abruzzo colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti a far data dal 24 agosto 2016.

L'apertura del nuovo bando è finalizzata alla concessione delle agevolazioni in favore:

i. delle nuove iniziative economiche avviate nella zona franca urbana in data successiva al 31 dicembre 2017 o che, pur non ancora avviate alla data di presentazione dell’istanza, saranno avviate entro il 31 dicembre 2019;

ii. delle iniziative economiche già avviate nella zona franca urbana alla data del 31 dicembre 2017 e già beneficiarie, nell’ambito dei precedenti bandi emanati  dal Ministero.

I soggetti già beneficiari delle esenzioni fiscali e contributive previste per la zona franca urbana, possono fruire delle somme residue già concesse e non fruite per i periodi d’imposta 2017 e 2018 anche per i periodi d’imposta 2019 e 2020.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle nuove agevolazioni le seguenti categorie di soggetti:

a) le imprese e i titolari di reddito di lavoro autonomo, già beneficiari delle agevolazioni nell’ambito dei precedenti bandi emanati dal Ministero;

b) le imprese e i titolari di reddito di lavoro autonomo, di qualsiasi dimensione che, all’interno della zona franca urbana, hanno avviato una nuova iniziativa economica in data successiva al 31 dicembre 2017, ovvero che si impegnano ad avviarla entro il 31 dicembre 2019.

Possono accedere alle agevolazioni i soggetti che operano in tutti i settori di attività economica, con esclusione del settore della pesca e dell’acquacoltura.

Entità e forma dell'agevolazione

Le agevolazioni concedibili sono rappresentate dalle esenzioni fiscali e contributive.

Nello specifico:

  • esenzione dalle imposte sui redditi;
  • esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive;
  • esenzione dall’imposta municipale propria;
  • esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

Scadenza

Domande a partire dalle ore 12:00 del 18 giugno 2019 fino alle ore 12:00 del 18 luglio 2019.

TOP